Confcommercio su decreto fiscale: inaccettabile criminalizzare categorie commercio

Evasione fenomeno che riguarda tutta l’economia

Confcommercio su decreto fiscale: inaccettabile criminalizzare categorie commercio

DateFormat

31 ottobre 2019
188/2019

188/2019
Roma, 31 ottobre 2019

La costruzione dell’alleanza tra i contribuenti in regola e l’avanzamento del giusto principio del ‘pagare tutti per pagare meno’ richiedono anche e soprattutto il riconoscimento che evasione ed elusione sono patologie che tagliano trasversalmente tutta l’economia e la società italiana: così si legge in una nota di Confcommercio-Imprese per l’Italia.

Confcommercio – prosegue la nota - ritiene dunque inaccettabile che, nella relazione tecnica di accompagnamento del decreto fiscale, si annoti (art. 39 in merito alle modifiche in materia di disciplina penale tributaria e di responsabilità amministrativa degli enti) che “l’aumento di pena funge da monito e deterrente ad un comportamento illecito, diffuso in alcune categorie del commercio”.

Confcommercio respinge, pertanto, un’impostazione dell’azione di contrasto dell’evasione per presunte categorie a rischio e con il ricorso allo stigma sociale, perché è l’esatto contrario della selettività d’azione e dell’azione mirata di controllo e verifica necessarie per un rapporto collaborativo tra amministrazione finanziaria e contribuenti.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca