Confcommercio su salario minimo: dare impulso alla contrattazione collettiva

Confcommercio su salario minimo: dare impulso alla contrattazione collettiva

DateFormat

16 giugno 2019
99/2019

99/2019
Roma, 16 giugno 2019

In un Paese come l'Italia, caratterizzato sul piano delle relazioni sindacali da un'importante esperienza storica di contrattazione collettiva, è quasi paradossale pensare di affidare il tema del salario minimo alla regolazione di legge. Paradossale perché la remunerazione della prestazione lavorativa trova il più efficace strumento di definizione nel confronto contrattuale tra le parti e perché, attraverso la contrattazione, il rapporto di lavoro viene complessivamente disciplinato in una più ampia sfera di diritti e di doveri fino a ricomprendere la dimensione del welfare contrattuale in materia di previdenza ed assistenza sanitaria integrativa. Dunque – conclude Confcommercio – occorrerebbe dare impulso alla contrattazione collettiva contrastando con determinazione la diffusione dei cosiddetti contratti-pirata e rafforzando, invece, il ruolo dei contratti sottoscritti dalle organizzazioni maggiormente rappresentative, anche in riferimento ai minimi salariali definiti in sede di contratto.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca