Confcommercio su audizione Dl ristori: servono risposte urgenti per riaprire e ripartire

Confcommercio su audizione Dl ristori: servono risposte urgenti per riaprire e ripartire

DateFormat

5 novembre 2020
174/2020

“La soluzione di ultima istanza del “più chiusure” determina costi economici e sociali crescenti, sempre meno sostenibili e che, comunque, richiedono ristori davvero adeguati e davvero tempestivi. Si rischiano la cessazione dell’attività di decine di migliaia di imprese e la cancellazione di centinaia di migliaia di posti di lavoro”, così Enrico Postacchini in rappresentanza di Confcommercio ascoltato oggi sul Dl Ristori nelle commissioni Bilancio e Finanze del Senato.

“Sono necessarie risposte urgenti - ha sottolineato - a partire certo dai settori in cui l’emergenza ha picchiato e picchia in modo più duro, ma tenendo oggettivamente conto – in un’ottica necessariamente di filiera - di quanto l’impatto dell’emergenza sanitaria, divenuta emergenza economica e sociale, incida trasversalmente sull’intera area dei servizi di mercato.”

Confcommercio-Imprese per l’Italia chiede, dunque, il rafforzamento dei ristori a fondo perduto (con maggiori dotazioni finanziarie, ampliamento dei soggetti beneficiari) per le imprese; indennità per lavoratori autonomi e professionisti; la prosecuzione del credito d’imposta per le locazioni commerciali e gli affitti d’azienda e incentivi fiscali che favoriscano le intese tra locatori e locatari.

“Servono - ha concluso Postacchini - moratorie fiscali e creditizie più ampie e inclusive e la continuità degli ammortizzatori sociali, insieme ad una stagione nuova di vere politiche attive per il lavoro. Riaprire e ripartire: deve essere questo l’obiettivo e deve essere questo l’impegno condiviso. Ne va della tenuta sociale del Paese“

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca