Il premio eccellenza ai campioni della sostenibilità

Vincono manager e aziende che hanno cambiato i modelli organizzativi e di business reagendo alla pandemia con particolare attenzione alle persone ed alla sostenibilità sui fronti professionale e sociale. La consegna del premio andrà in onda il 25 novembre 2021 alle 20 in diretta Tv su Sky.

Il premio eccellenza ai campioni della sostenibilità

DateFormat

25 novembre 2021

Tre manager e tre aziende eccellenti che hanno saputo reagire alla pandemia trasformando i modelli di business, l’organizzazione e il welfare aziendale per garantire e valorizzare il lavoro dei dipendenti nel pieno del lockdown. Capitani e aziende coraggiosi che hanno rinforzato il legame con i propri lavoratori, clienti e fornitori, trasformando la crisi della pandemia in un’opportunità di crescita e d’implementazione della sostenibilità. Per questo si sono aggiudicati la decima edizione del Premio Eccellenza Lido Vanni, riconoscimento ambito da tutta la comunità del business del terziario (commercio, turismo e servizi) che verrà consegnato questa sera, 25 novembre, alle ore 20, in diretta tv sul canale Sky 501, su tg24.sky.it e sui canali social Manageritalia.

Il Premio Eccellenza – ideato da Manageritalia e promosso insieme a Confcommercio-Imprese per l’Italia e CFMT (Centro di Formazione Management del Terziario) – è rivolto ai manager e alle aziende (in due diverse categorie) che più di altri nel periodo 2019-2021 si sono distinti come promotori o attori, in diverse aree di competenza, di attività o realizzazioni di elevato significato e spessore, tali da poter essere considerate di assoluta eccellenza. Particolare attenzione è stata data quest’anno, nella scelta dei vincitori, alla gestione e al superamento dell’emergenza causata dalla pandemia nei due ambiti professionale e sociale.

I tre manager premiati quest’anno sono: Aurelio Luglio, consulente aziendale protagonista di tante iniziative d’inclusione e valorizzazione delle competenze, tra cui il progetto Cartiera a favore degli immigrati; Patrizia Pini, risk manager della clinica milanese Columbus che ha gestito l’emergenza Covid riuscendo a farla rimanere Covid-free in modo da curare e operare anche i malati delle altre strutture; Giorgio Ravasio, country manager Italia della Casa di moda Vivienne Westwood che ha consolidato la produzione in Italia.

Le aziende vincitrici sono invece CRAI, player della grande distribuzione da anni attenta alla sostenibilità; Gi Group, multinazionale italiana del lavoro e del placement. e VIVA Viviana Varese, azienda che fa capo all’omonima chef stellata, da sempre attiva nel sociale.

Questi i vincitori del Premio Eccellenza 2021 – scelti da apposite giurie tra le segnalazioni giunte dai 38mila manager di Manageritalia, dalle 800mila aziende di Confcommercio e dalle società che collaborano con CFMT – che ritireranno il premio giovedì 25 novembre alle ore 20, su un palcoscenico speciale: quello della diretta Tv di Sky.

Annunciando i tre manager vincitori del Premio Eccellenza 2021, il presidente di Manageritalia Mario Mantovani ha dichiarato «Mai come oggi è prioritario portare all’attenzione generale chi traccia la strada per migliorare in ogni ambito la vita della nostra comunità. Manager e aziende devono farlo nell’ottica di produrre crescita economica, lavoro e reddito a favore di tutti. Le competenze e le capacità sono così il vero punto di partenza per costruire un futuro sostenibile ad ogni livello e per ridare al nostro Paese uno sviluppo che veda il lavoro e il suo senso al centro».

Annunciando i tre vincitori della categoria aziende, il vicepresidente vicario di Confcommercio-Imprese per l’Italia Lino Enrico Stoppani ha dichiarato: «Nei prossimi anni la sfida della competitività per le imprese del commercio, del turismo e dei servizi si giocherà sulla capacità di investire sul capitale umano, favorendo la crescita di competenze, conoscenze, abilità e professionalità e creando legami virtuosi e solidi tra il management e la forza lavoro. Una dinamica che, se governata con intelligenza, consentirà alle aziende di massimizzare la propria resilienza, anche in presenza di eventi imprevedibili e dirompenti, come è stata la pandemia».

Così invece il presidente di CFMT Simone Pizzoglio, partner del Premio, ha dichiarato: «L’eccellenza è un conseguimento che si costruisce nel passato e plasma il successo nel futuro. Il Premio Eccellenza testimonia proprio l’impegno dei manager e delle aziende vincitori a costruire questo futuro. CFMT aiuta manager e imprese nella costruzione di employability e competitività da 25 anni, affiancandoli con alta formazione ed eventi unici ed esclusivi».

La cerimonia di consegna della decima edizione del Premio Eccellenza verrà trasmessa per la prima volta in diretta Tv sul canale 501 di Sky, su tg24.sky.it e sui canali social di Manageritalia.

Il Premio Eccellenza – intitolato al manager scomparso Lido Vanni, nato nel 2000 ideato da Manageritalia - è giunto alla decima edizione. Ha conquistato nel tempo un posto di riguardo nel riconoscere l’eccellenza manageriale. Dal 2007 è stato esteso, coinvolgendo Confcommercio e CFMT (il Centro di Formazione Management del Terziario), anche ad aziende, imprenditori e professionisti della formazione, proprio per significare quella sinergia e collaborazione che serve oggi per competere.
Manageritalia www.manageritalia.it (Federazione nazionale dirigenti, quadri e professional del commercio, trasporti, turismo, servizi, terziario avanzato) rappresenta dal 1945 a livello contrattuale i dirigenti del terziario privato e dal 2003 associa anche quadri ed executive professional. Offre ai manager rappresentanza istituzionale e contrattuale, valorizzazione e tutela verso la politica, le istituzioni e la società, servizi per la professione e la famiglia, network professionale e culturale. Promuove e valorizza il ruolo e il contributo del management allo sviluppo economico e sociale. Oggi Manageritalia associa oltre 38.000 manager. La Federazione è presente sul territorio nazionale con 13 Associazioni e una dedicata agli Executive Professional, che offrono un completo sistema di servizi: formazione, consulenze professionali, sistemi assicurativi e di previdenza integrativa, assistenza sanitaria ai manager e alla famiglia, iniziative per la cultura e il tempo libero.


Motivazioni del premio e profilo vincitori

Ecco le motivazioni, per ognuno dei manager vincitori, tra i 38.000 iscritti a Manageritalia, con cui la giuria specializzata ha scelto tra le centinaia di segnalazioni pervenute.

AURELIO LUGLIO
classe 1962
Consulente direzionale e manager con oltre 35 anni di esperienza maturata in ruoli direttivi e imprenditoriali di aziende multinazionali, nazionali e fondazioni. Si è sempre distinto per il pensiero innovativo e il grande impegno di volontariato sui temi della sostenibilità e dell’economia circolare. Nel periodo 2019-2021 Aurelio Luglio ha affiancato il progetto Cartiera (www.coopcartiera.it), un laboratorio che, sotto la supervisione di artigiani italiani esperti, ha sviluppato un centro per la formazione di migranti e richiedenti asilo per la produzione artigianale di accessori in pelle. L’iniziativa è nata nell’ambito di un progetto promosso da Ethical Fashion Initiatives, agenzia creata dalle Nazioni Unite e dalla World Trade Organization, per favorire lo scambio commerciale etico fra le cooperative dei paesi del Sud del mondo con i marchi della moda, all’interno della ex-cartiera di Marzabotto (Lama di Reno, Bologna).

PATRIZIA PINI
classe 1972
Risk manager Columbus Clinic Solutions. Il lavoro svolto sotto il suo coordinamento in epoca pandemica ha garantito il diritto alla salute di molti pazienti e operatori sanitari. Col suo percorso di carriera Patrizia Pini rappresenta i valori più moderni di una managerialità interdisciplinare, resiliente e olistica. Laureata in Ingegneria meccanica con specializzazione in Biomedica, ha lavorato come progettista di dispositivi medici, brevettando e realizzando dispositivi commercializzati nella Comunità europea. Nel suo ruolo di Risk manager ha predisposto e attuato i piani per mantenere l’Ospedale Columbus Covid-free per tutta la durata pandemica, consentendo alla clinica di erogare prestazioni chirurgiche quando la sanità pubblica era invece bloccata e di poter operare pazienti oncologici gravissimi provenienti da altre strutture trasformate in hub-Covid.

GIORGIO RAVASIO
classe 1972
Country manager Italy della casa di moda Vivienne Westwood. Nel 2010 è stato chiamato a sviluppare e coordinare l’intera sede italiana supervisionando tutte le attività di produzione dei prodotti a marchio Vivienne Westwood, pianificando la gestione diretta dei fornitori in maniera competitiva, etica, sostenibile e controllata. Sotto la sua guida, Vivienne Westwood ha riacquisito il controllo della catena di fornitura, prevalentemente distribuita tra fornitori dei distretti italiani produttori di accessori fashion, valorizzando la responsabilità, la giustizia sociale e ambientale e la lotta al consumismo, da sempre al centro della produzione del marchio inglese che fa realizzare i suoi capi solo ad aziende qualificate rispettose di questi principi. Ha realizzato l’apertura alla digitalizzazione delle vendite, implementando la vendita online: azione decisiva per difendersi dagli effetti della pandemia.

Queste invece le motivazioni per cui sono state individuate le aziende vincitrici del Premio eccellenza, tra le segnalazioni pervenute dalle 800mila aziende iscritte a Confcommercio e dalle società che collaborano con CFMT.

CRAI, importante società cooperativa di dettaglianti alimentari diffusa nella maggior parte del territorio italiano. Ha saputo valorizzare la propria capillarità territoriale, la propria storia di servizio ai clienti e la propria identità di azienda italiana. Sensibile da sempre alle esigenze sociali, nel periodo più buio della pandemia, con una presenza di dedizione continua che non è mai mancata, ha garantito un primario servizio a tutte le popolazioni anche nelle comunità più remote d’Italia.

GI GROUP, prima multinazionale italiana nei servizi dedicati allo sviluppo del mercato del lavoro, con un network presente in 57 Paesi, oltre 5.000 dipendenti e più di 500 filiali nel mondo. Nel 2020 ha servito più di 20.000 aziende, con un fatturato globale di 2,5 miliardi di euro e lavorato in Italia, nello stesso anno, con oltre 88.000 persone. Da vera learning organization ha investito nelle proprie persone e nella loro conoscenza. Ha contribuito all’evoluzione del mercato del lavoro e all’educazione al valore personale e sociale, creato la prima multinazionale italiana nel campo dei servizi al lavoro e si è impegnata per rendere il lavoro sostenibile. Ha ideato e creato percorsi formativi ad hoc efficaci per qualificare e ri-qualificare le persone. Ha progettato soluzioni innovative e complesse di gestione della flessibilità.

VIVA VIVIANA VARESE, azienda dell’omonima chef stellata che ha promosso tante iniziative sociali in collaborazione con l’UNHCR, assumendo rifugiati, spesso ragazzi, con storie drammatiche alle spalle e inserendoli nel mondo del lavoro, prima in stage, poi stabilmente. Nel 2021, in seguito all’aumento delle donne vittime di violenza domestica durante la pandemia, per le quali la casa rappresentava una prigione, ha deciso di aprire una gelateria con l’obiettivo di ridare libertà alle donne che devono uscire di casa per salvarsi. La gelateria darà lavoro a 4 di loro, preferibilmente mamme, individuate con i servizi sociali e con CADMI, casa di accoglienza delle donne maltrattate, e anche rifugiate, individuate attraverso l’UNCHR, un prototipo da esportare in tutta Italia.

I Premi Eccellenza 2021 sono andati a

MANAGER

  • Aurelio Luglio (classe 1962), libero professionista e consulente del Progetto Cartiera
  • Patrizia Pini (classe 1972), risk manager Columbus Clinic Solutions
  • Giorgio Ravasio (classe 1972), country manager Italia Vivienne Westwood

AZIENDE

  • CRAI, grande distribuzione
  • Gi Group, multinazionale italiana del lavoro e del placement
  • VIVA Viviana Varese, azienda e ristorante stellato

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca