CONFCOMMERCIO SU EURO: NO A POSIZIONI PRECONCETTE SI' ALLA TRASPARENZA

Da un primo monitoraggio, a campione su diverse realtà territoriali e per tipologia di esercizio, emerge una situazione di tranquillità e di collaborazione tra gli esercenti e i consumatori.

CONFCOMMERCIO SU EURO: NO A POSIZIONI PRECONCETTE SI' ALLA TRASPARENZA

DateFormat

2 gennaio 2002

02/2002       Roma, 02.01.02

 

Da un primo monitoraggio, a campione su diverse realtà territoriali e

per tipologia di esercizio, emerge una situazione di tranquillità e di collaborazione tra gli esercenti e i consumatori

SU ARROTONDAMENTI E RESTI EVITARE ALLARMISMI E DISINFORMAZIONE

 

CONFCOMMERCIO SU EURO:

NO A POSIZIONI PRECONCETTE  SI ALLA TRASPARENZA

 

 

Bisogna evitare che i due mesi di doppia circolazione diventino una battaglia di cifre  e di informazione non corretta circa le leggi che regolano le attività del change-over.

Questo significa innanzitutto contribuire in ogni modo ad aiutare il consumatore, comprese quelle categorie più deboli come gli anziani, a prendere confidenza con la nuova moneta e ad essere informato correttamente, e  questo significa, altresì, denunciare senza esitazioni situazioni e comportamenti poco trasparenti o anomali circa gli arrotondamenti e i resti.

 

Confcommercio a questo proposito ricorda che il sistema di arrotondamento dei prezzi è regolato per legge con meccanismi che prevedono l’arrotondamento dei prezzi alla seconda cifra decimale e tutte le imprese della distribuzione, senza distinzione alcuna, pertanto hanno l’obbligo di rispettare questa disposizione. L’Assemblea Generale di Confcommercio a tale proposito ha adottato una apposita raccomandazione che impegna l’intero sistema confederale, e quindi tutte le imprese aderenti ad attenersi agli impegni sottoscritti.

 

Altro ragionamento è il meccanismo di formazione dei prezzi che, in un mercato aperto alla concorrenza è e deve rimanere libero per favorire non solo una sana competizione tra imprese ma per dare al consumatore una capacità di scelta che sia la più ampia possibile.  E al fine di rendere il più trasparente possibile il rapporto tra esercente e consumatore, laddove le condizioni di mercato, per esempio l’eventuale aumento dei prezzi alla produzione, rendessero necessario un ritocco dei prezzi, è opportuno che il commerciante ne dia chiara  ed esaustiva informazione alla clientela.

 

Confcommercio  ricorda, inoltre, che non è stato mai sancito né a livello comunitario né nazionale l’obbligo per i commercianti di dare comunque il resto in euro e che tale circostanza è solo “raccomandata” laddove possibile.

 

Il monitoraggio sul primo giorno dell’euro nei negozi è sul sito di www.confcommercio.it.

Banner grande colonna destra interna

Aggregatore Risorse

ScriptAnalytics

Cerca